La Nasa manda il drone Libellula su Titano

by Lorenzo
Dragonfly drone NASA

La Nasa invierà un drone ad esplorare Titano, la più grande luna di Saturno. Il drone si chiama Dragonfly (Libellula) ed è in grado di volare attraverso le 100 miglia della spessa atmosfera di Titano. A dare l’annuncio di questo ambizioso progetto è stato nei giorni scorsi Jim Bridenstine, direttore della Nasa.

Libellula è un drone dotato di 4 eliche a propulsione nucleare e la sua missione durerà otto anni, permettendogli di arrivare nel 2026 su Titano, una luna che orbita intorno al pianeta gassoso Saturno, nota per avere diverse similitudini con le caratteristiche che aveva con ogni probabilità la Terra in epoche primordiali.

Libellula sarà il primo drone espressamente progettato per sopportare le proibitive condizioni della spessa atmosfera di Titano e sarà protagonista della quarta missione di esplorazione del sistema solare nell’ambito del programma «Nuove frontiere» condotto dalla Nasa. Questo progetto ha già ottenuto incredibili risultati, come l’invio della sonda New Horizons nel 2006 a studiare Plutone e Osiris-Rex che è stato invece lanciato nel 2016 per studiare l’asteroide roccioso Bennu.

La tecnologia sta cambiando il modo nel quale esploriamo lo spazio e raccogliamo informazioni su oggetti celesti più o meno lontani da noi. Non mandiamo più uomini sulla luna, ma questo non significa che la curiosità e il desiderio di esplorare si siano sopiti. Droni, sonde, rover e altri dispositivi raccolgono campioni e realizzano immagini e scansioni incredibili, che anno dopo anno ci aiutano a comprender meglio le tante meraviglie scientifiche di un universo ancora estremamente misterioso, ma che poco alla volta iniziamo a conoscere e comprendere sempre più.

Un giorno forse partiremo alla colonizzazione di nuovi pianeti e forse la scienza ci porterà dove neppure la fantascienza ha immaginato. Per raggiungere obbiettivi ambiziosi una rigorosa ricerca scientifica è fondamentale e questa passa da un’attenta raccolta ed analisi di grandi quantità di dati, la missione del drone Dragonfly servirà a questo e potrà darci risposte su temi da sempre molto discussi e di globale interesse, come la possibilità, in un giorno che ormai pare sempre meno lontano, di scoprire forme di vita extra terrestre.

Articoli collegati

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.